Cucina

Un anno di pianificazione: la cucina di 12 anni


Non abbiamo mai avuto dubbi su quale architetto volevamo per il nostro rifacimento della cucina.


La linea tratteggiata qui mostra il layout originale della cucina, insieme al primo layout proposto da Norm.

Norm Davis aveva fatto i piani per il nostro progetto per il bagno dieci anni prima e lo avevamo trovato un mago nella progettazione dello spazio. Era anche in sintonia con la nostra filosofia di rinnovamento della casa: volevamo una comodità moderna che mostrasse ancora rispetto per le origini della casa.

Fortunatamente per noi, nell'autunno del 2009 Norm ha accettato di accettare l'incarico. Sapevamo per esperienza che la fase di pianificazione avrebbe richiesto del tempo - non solo è estremamente impegnato, ma ha bisogno di molto tempo di ruminazione. Nel nostro incontro iniziale, gli abbiamo dato la nostra lista dei desideri:

Armadietti - la nostra cucina attuale aveva spazio solo nella dispensa del maggiordomo.

Piani di lavoro - che ci crediate o no, la nostra cucina esistente aveva zero spazio sul bancone. Un carrello per microonde e la parte superiore della nostra lavastoviglie portatile erano le uniche superfici di lavoro nella stanza.

Un frigorifero nella stessa stanza degli altri due lati del triangolo di lavoro: un lusso!

Una stanza di polvere al piano terra - che gli ospiti, i bambini bagnati e i giardinieri fangosi (noi) potrebbero usare senza trascinare le scale centrali.

Una stanza di fango - o almeno da qualche parte per lasciar cadere i cappotti, gli stivali e gli zaini che ingombravano il nostro ingresso principale.

Se possibile, alcuni mangiare spazio, appena abbastanza grande per colazione, caffè e snack - se non altro, almeno teniamo i Cheerios fuori dal tappeto della sala da pranzo.

Forse, se possibile, trovaci una piccola area per la ricarica di tutti i telefoni, la presa dei messaggi e la presa delle ricette che facciamo - non proprio un ufficio a casa, ma un piccolo spazio di lavoro?

In questa iterazione, abbiamo una bella e grande cucina quadrata, ma abbiamo perso l'accesso ad essa dall'atrio. Ma Norm stava facendo qualcosa girando le scale del seminterrato per aprirle dalla sala, non dalla cucina.

Infine, espandere l'impronta della casa, se necessario, ma non eliminare il piccolo spazio patio accanto alla cucina, ci è piaciuto poter mangiare fuori in estate.

Sapevamo che era un elenco modesto in molti modi (davvero, una cucina avrebbe dovuto alcuni armadi e contatori), ma sarebbe una sfida dato il piccolo spazio. Se qualcuno potesse farlo, Norm potrebbe.

Uno dei maggiori problemi con la cucina esistente erano tutte le porte: c'erano ingressi dalla sala centrale e dalla sala da pranzo, una porta per il seminterrato e tre porte per l'estensione (una porta per l'armadio della dispensa e le uscite al " stanza del frigorifero "e dispensa del maggiordomo). Sapevamo di voler aprire lo spazio in una stanza, il che avrebbe eliminato alcune porte lì, ma avremmo ancora ingressi alla cucina da due lati, oltre alla porta del seminterrato. A complicare ulteriormente le cose, l'ingresso principale, dalla sala centrale, non era centrato nel muro della cucina ma all'estrema destra, proprio dove un muro di armadi dovrebbe iniziare.

Ci sono volute sei variazioni sulla pianta del pavimento prima di arrivare a pagare lo sporco - e con ogni iterazione potevamo vedere la nostra cucina prendere vita. La riconfigurazione delle scale del seminterrato per portarle fuori nella hall d'ingresso piuttosto che in cucina ci ha dato un'intera parete ininterrotta da porte. Per passare dalla sala centrale alla cucina, Norm ha creato un nuovo spazio, una specie di vestibolo, per la stanza delle polveri e l'armadio trasferito. Quello spazio di transizione non solo portava l'entrata della cucina al centro del muro, ma impediva anche alla polvere di aprirsi in cucina, un vantaggio importante.

Nel piano finale, abbiamo di nuovo accesso alla cucina da entrambi i lati, così come l'accesso dalla sala da pranzo al nostro amato spazio del patio attraverso la stanza di fango.

Un muro lungo 14 piedi su un lato della cucina della cucina avrebbe contenuto il lavandino, la lavastoviglie, la cucina e gli armadietti (!) La parete opposta, mezza lunghezza, avrebbe un armadio dispensa a tutta altezza, un frigorifero e un altro piccola lunghezza di mobili. La vecchia estensione sarebbe stata demolita e al suo posto sarebbe stata costruita una nuova, leggermente più grande. Quell'estensione avrebbe una finestra di prua a scomparsa, fornendo abbastanza filmati extra quadrati per una piccola tavola rotonda. Un piccolo bancone vicino al frigorifero sarebbe la nostra stazione per la ricarica del telefono, la navigazione del ricettario e la partenza dei memo. Alla fine, una porta laterale che dava un ponte che avrebbe sostituito il patio si apriva su un muro per ripostigli, ganci e scaffali: il nostro "spazio di fango". Avevamo tutto!

L'intero processo di pianificazione dello spazio aveva richiesto più di sei mesi, ma eravamo entusiasti dei risultati. Ora avevamo solo bisogno del nostro costruttore e di un permesso di costruzione e saremmo pronti per partire. Norm ha presentato i piani alla città e abbiamo chiamato il nostro appaltatore di prima scelta.

Avanti: Pianificazione della cucina, atto 2-The Contractor.

Per ulteriori informazioni sul rimodellamento della cucina, considera:

Suggerimento rapido: rimodellamento della cucina economica
Pianifica la cucina dei tuoi sogni
Massimizzare il tuo dollaro rimodellamento